Tinture per capelli, mai più di sei volte l’anno. L’esperto: “Possibile rischio cancro”

I tweet di un medico inglese riportano l’attenzione sull’ipotetico legame tra tinture e incremento del rischio di cancro al seno. Puntare su prodotti naturali.

Da qualche giorno sui media Nazionali circola questa notizia e visto che quotidianamente nel nostro Salone dobbiamo affrontare la questione con le nostre clienti, abbiamo deciso di dirvi cosa ne pensiamo, sul nostro blog !

La prima domanda che ci fanno le nostre clienti, è la seguente : “avete tinture vegetali ?

Senza ammoniaca ? “

La seconda : “ la tintura fa male alla mia salute ?” .

 

Per quanto riguarda la prima domanda , partendo dall’ammoniaca non possiamo che confermare il fatto di quanto le aziende, attraverso il loro marketing siano brave a distogliere l’attenzione del consumatore , dal problema primario creandone uno secondario e a volte fittizio. Oggi la parola d’ordine è quella del : “ NON CONTIENE “

Basta usare nell’etichetta e soprattutto nella pubblicità , la formula magica : Non contiene Olio di Palma, Polifosfati, solfati , Ammoniaca ecc. ecc. e il gioco è fatto.

Per quanto concerne il non contiene l’ammoniaca, le aziende dicono il vero ma omettono di dire che in tutte le tinture ad ossidazione è presente la MEA.

La MEA si ottiene facendo reagire ossido di Etiliene e ammoniaca in condizioni di temperatura e pressione ben precisi e ha una doppia funzione: è sia ammina che alcool. Quindi la MEA non è altro che un derivato dell’ammoniaca!

 Passiamo ora alla questione delle tinture vegetali.

Moltissime aziende si nascondono dietro a nomi di erbe esotiche , a confezioni verdi piene di foglioline o gialle con in bella mostra dei Girasoli, alberi della vita ecc. ecc.

Tutte bufale??

 

In linea di principio sarebbe bene, leggere l’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) e diffidare di quei prodotti che offrono un ampia gamma di nuances (scala di colori\sfumature) . l’INCI è’ un acronimo internazionale utilizzato per indicare in etichetta i diversi ingredienti presenti all’interno di un prodotto cosmetico. Viene usata in tutti gli stati membri dell’UE e in molti altri paesi nel mondo, tra i quali USARussiaBrasileCanada e Sudafrica.

Visto che non siamo tutti dei chimici per capire se all’interno del prodotto ci sono dei componenti da evitare , potete usare il BIODIZIONARIO (http://www.biodizionario.it/biodizio.php) o siti similari come il NUOVO BIODIZIONARIO (https://www.ecobiocontrol.bio/nuovo-biodizionario/)

Le uniche  eccezioni  per quel che riguarda il mondo della colorazione vegetale sono quelle sostanze, che da sempre le donne hanno utilizzato per abbellirsi la chioma come: Hennè, camomilla, mallo di noce ecc. ecc.

          

Il problema di questi prodotti , laddove veramente vegetali, è che devono essere lasciati in posa per molto tempo, sono spesso maleodoranti, danno dei risultati a seconda di dove agiscono , hanno una scelta limitatissima di “nuances” e soprattutto non coprono i capelli bianchi e se lo fanno il rischio di riflessi indesiderati è altissimo.

Un’altra cosa che si deve sapere è che spesso “le Erbe” che non presentano etichetta e ancor peggio l’INCI possono essere “truccate”.

A volte si vedono in commercio Hennè di colori che vanno dal nero al biondo, che colorano velocemente e che coprono bene i capelli bianchi.

Nella migliore delle ipotesi sono dei prodotti che hanno all’interno pigmenti alimentari o di sintesi atossici o come facciamo nel nostro salone, informandone la cliente , con l’aggiunta di colorazioni temporanee.

Nel peggiore dei casi questi prodotti hanno all’interno coloranti a base di metalli pesanti o pigmenti pre-ossidati……..Alla faccia dell’ecologia.

In ultima, particolare attenzione và alla conservazione di tutti quei prodotti naturali. In natura esistono dei conservanti naturali, ma questi permettono di conservare il prodotto per un periodo di tempo molto limitato (polveri escluse)……..avete mai visto scadenze su quei prodotti che si dichiarano vegetali

al 100% ?

 

Per quel che riguarda la seconda domanda, ci  associamo  a tutti gli studi che esistono e che sono stati fatti dai centri di ricerca più importanti al mondo , inoltre la tintura per capelli ad ossidazione è un prodotto che viene commercializzato da oltre 80 anni (1906-07:  il chimico francese Eugene Schueller inventa il colorante sintetico per capelli ) e che milioni di donne in tutto il globo la utilizzano, permettendoci di avere dati statistici chiari ed inequivocabili.

Questi dati ci dicono che la tintura per capelli , contiene delle sostanze mutogene  come le ammine aromatiche, che rendono le tinture non sicure.

Nelle tinture scure la quantità di ammine aromatiche è molto più alta rispetto alle tinture chiare.

Considerando che la Comunità Europea, così come in altri paesi del mondo, non si esprime con chiarezza sulla normativa. In merito a queste sostanze ed alcune molecole sono ‘ammesse con riserva’ e, poiché la loro presenza nella formulazione migliora i risultati cosmetici del prodotto, nessuna azienda li elimina completamente.

L’associazione nazionale imprese cosmetiche, attraverso il suo sito ci espone il suo unto di vista, sostenendo che per rispettare quanto previsto dalla legge, i produttori, prima di immettere i coloranti sul mercato, li fanno controllare da un esperto qualificato, che compie un’attenta e accurata valutazione della loro sicurezza. Inoltre, andando ben oltre a quanto previsto obbligatoriamente dalla legge, i produttori forniscono in etichetta importanti avvertenze e istruzioni d’uso, così da favorire un impiego sicuro del prodotto.
In aggiunta a questo, l’industria dei coloranti per capelli europea e italiana sta anche lavorando con la Commissione europea, in particolare con il suo Comitato Scientifico sulla Sicurezza del Consumatore (SCCS), raccogliendo e fornendo tutti i dati sulla sicurezza delle sostanze coloranti per capelli.

http://www.abc-cosmetici.it/prodotti/capelli-prodotti/sicurezza-dei-coloranti-per-capelli/

 

Per completezza di informazione forniamo alle consumatrici un idea dei rischi quotidiani,  presi da libro “scienza della cura dei capelli di  Charles Zviak,

per meglio comprendere la scelta migliore per le vostre esigenze

 

                                               

RAINBOW COLOR ………..#COLORFULHAIR

 

Ancora informazioni utili riguardo il mondo capelli sul nostro blog:

questa volta parliamo di tendenze colori estate 2017 all’insegna dei color rainbow.

Più brillante del biondo, più sfizioso del rosa. Parliamo del PeachBlond e del tangerine, due sfumature di rosso che hanno conquistato la palette cromatica di questa primavera-estate.

Ecco come si portano e a chi stanno bene:

l’idea prende spunto dalle sfumature brillanti e golose della pesca e del mandarino,del resto il rosso con tutte le sue sfaccettature è il colore più estivo di tutti, carico e vitaminico. Perfetto su capelli lunghi ,bob e wob.

Il Peachblond e il Tangerine sono due raffinatissime sfumature rosso tramonto:una più chic e femminile realizzata su basi aranciate, l’altra più pop realizzata su basi biondo freddo.

 

         

Tecnicamente è una miscela speciale di 8 sfumature dal biondo al rosa con una goccia di rosso rame».

Già da tempo le aziende di cosmesi hanno anticipato le tendenze lanciando sul mercato prodotti professionali per poter realizzare tutte le nuances pastello desiderate.

 

 

l’Oreal ha prodotto hair #colorful, colorazioni pastello dal violaceo al rosa antico, dal blue al verde acqua, per ogni desiderio estivo.

     

Nel Nostro Salone , grazie alla nostra esperienza , possiamo miscelare i colori al fine di ottenere delle sfumature personalizzate.

Ti aspettiamo!!!!

Onde piatte, la tendenza flat waves dell’estate 2017

 

IL trend FLAT WAVES sarà il must della prossima primavera- estate .

Il 2017 infatti premia lo styling mosso e ondulato.

Onde piatte e movimenti ondulati vengono riproposti soprattutto nei capelli medio lunghi perché meglio valorizzano il trend flat waves:

Vi ricordate beach waves?

 

Ne parlammo tempo fa sempre sul nostro blog,

il flat waves non sono altro che movimenti e onde più delicate e meno marcate sulle lunghezze dei capelli senza agire sul volume.

Il risultato è un’ondulazione appena accennata dall’effetto naturale ed è uno styling che può essere abbinato anche su tagli medio-corti, nasce infatti il WOB.

Un carrè leggermente ondulato che sarà un must dell’estate 2017.

Ma come si realizzano le flat waves ? 

Per ottenere delle perfette onde piatte e sfoggiare così uno styling alla moda , basta utilizzare una piastra e\o un tubolare e concentrarsi sulle lunghezze, senza avvicinarsi troppo alla radice: in questo modo si otterrà un movimento appena accennato in grado però di garantire un’ effetto decisamente glam-chic

 

 

Tutta la linea GHD la potete acquistare in Salone o nel nostro E-commerce a prezzi super vantaggiosi.

https://shop.ilsalonediviamessina.it/

 

 

Se però, non volete acquistare dispositivi ad hoc, potete optare per due soluzioni più amatoriali ma dal risultato efficace: potete infatti fare delle trecce, fissarle con lacca e lasciarle riposare per qualche ora, anche tutta la notte, oppure optare per dei  thorcion  sui capelli asciutti, fissandoli con delle mollettine – soluzione ideale per chi sfoggia long-bob o tagli medi.

 

 

 

 

 

 

Cos’è Smartbond?

A Marzo dello scorso anno abbiamo pubblicato un articolo che parlava dell’innovazione tecnologica inerente l’inserimento di molecole di nuova generazione all’interno di decolorazioni e colori.

SMARTBOND è il nuovo servizio per la protezione e il rafforzamento dei capelli, che abbiamo messo alla prova realizzando un test , che ci ha permesso di valutarne la reale efficacia.

Il Test:

Come la volta scorsa, abbiamo preso di nuovo dei capelli vergini e li abbiamo divisi in tre sezioni. Le stesse sono state decolorate  , utilizzando SMARTBOND nella prima, in una seconda è stato utilizzato un prodotto similare di un’altra azienda, mentre nella terza sezione abbiamo usato solo il decolorante. Il test è stato effettuato spingendo al massimo la schiaritura fino a 5 toni con utilizzo acqua ossigenata  al 12%

Il risultato:

Così strepitoso da farci decidere di inserire il servizio “DEFENCE COLOR” all’interno de IL SALONE DI VIA MESSINA  !!!!

                                                      

 

10 parrucchieri e 10 clienti hanno  riconosciuto , senza dubbio di placebo, la sezione trattata con SMARTBOND.

 

 

 

IL SISTEMA “DEFENCE COLOR” by SMART BOND:

SMARTBOND è un sistema inedito che protegge e rinforza i capelli durante i servizi tecnici (di decolorazione e di colorazione). Smartbond si compone di 3 step, i primi due specifici per il salone e il terzo per l’utilizzo a casa. É molto semplice da utilizzare e si adatta alla routine del lavoro svolto in salone.

 

 

 

  1. Da miscelare con il colore o con il decolorante.                                                                                                                                                                                                                                                                   Azione di protezione e rafforzamento dei legami                                                                                                                                                                                                                                              durante i servizi tecnici

 

2. Il pre-shampoo va applicato sui capelli dopo aver risciacquato il colore o il decolorante.                                                                                                                                                                                                       Questa azione dopo il servizio tecnico aiuta a rimuovere tutti i residui chimici che possono causare la rottura dei legami deboli.

3.    Da usare una volta alla settimana, proprio come un conditioner, dopo lo shampoo. Risciacquare. Lo step 3 aiuta a rinforzare la fibra capillare, settimana dopo settimana. Il cliente può                        mantenere il risultato eccezionale ottenuto in salone, semplicemente a casa.

STEP DI LAVORO

1.Aggiungere alla miscela del decolorante o del colore lo step 1 (8 ml per ogni 30 gr di decolorante, 4ml per ogni tubo di colore)

2. Miscelare i prodotti insieme come da routine.

3. Applicare la miscela come di consueto. Risciacquare i capelli dopo il normale tempo di posa.

CAPELLI INDEBOLITI E DOPPIE PUNTE

Cominciamo col dare un’informazione certa:

più il capello è fragile,sottile,indebolito e più è facile che tenda a biforcarsi.

Se poi ci aggiungiamo i comuni comportamenti quali trazione della spazzola,l’utilizzo costante della piastra e/o ferro,il calore

del phon (lesioni termiche) e colorazioni, decolorazioni permanenti (lesioni chimiche)non facciamo altro che accelerare il processo di formazione delle doppie punte.

Cosa fare allora per prevenire e gestire le doppie punte affinché non contribuiscano a farci avere una capigliatura secca,poco morbida e soprattutto opaca?

QUESTI SONO I NOSTRI CONSIGLI:

-tagliare i capelli ogni 6/8 settimane

-usa PRODOTTI KERASTASE DELLA LINEA RESISTANCE 

8c7dbecd605b1251e8dae01f7d059a641b3f2cb0

 

La gamma Résistance Thérapiste è stata concepita per ridare vita alle fibre capillari molto danneggiate o fortemente indebolite grazie ad una rigenerazione profonda delle fibre capillari che ritrovano forza, elasticità e leggerezza.

-pettina i capelli dalla punta eviterai cosi’ di portarti dietro nodi

-utilizza un phon a ioni e assicurati che l’aria non sia bollente

-ogni 4/6 mesi fai un trattamento alla cheratina

-utilizza piastre e ferri con rivestimento in ceramica ,distribuisce meglio il calore sui capelli

-utilizza un termoprotettore prima dell’asciugatura farà da schermo ai capelli.

OGGI PER TE UNA GRANDE NOVITA’ : SPLIT ENDER PRO !

vetrina

SPLIT ENDER PRO è uno strumento professionale che in soli tre passaggi per ciocca garantisce la rimozione di 1/4 di pollice di doppie punte. Fino a 6 millimetri in meno su 150mila capelli in appena mezz’ora, senza alterare la lunghezza o il taglio dei capelli.

Questo strumento si adatta a tutti i tipi di capelli: lunghi, corti, lisci o ricci, ogni chioma può essere trattata con questo dispositivo rivoluzionario. E’ necessario, però, che i capelli siano puliti e assolutamente privi di nodi: questo eviterà che le ciocche si incastrino nelle lame e si spezzino a metà.

Quindi lavate i capelli con uno shampoo veloce per rimuovere i residui dei prodotti applicati nei lavaggi precedenti: il cuoio capelluto deve infatti essere totalmente pulito.

Asciugate i capelli e spazzolateli per bene, ciocca dopo ciocca: sciogliete tutti i nodi, per scongiurare il rischio che le testine della piastra intrappolino qualche ciocca. Ogni capello deve infatti scivolare singolarmente nel meccanismo interno della spazzola affinché vengano tagliate le doppie punte.

Split Ender ha due impostazioni di taglio con due lame con differenti lunghezze che svolgono funzioni diverse: la prima è da 1/4 di pollice, la seconda è da 1/8 pollice. La lama più grande consente di tagliare fino a 6 millimetri di doppie punte, per cui è indicata per il primissimo trattamento, più aggressivo e lungo, che va effettuato una volta ogni tre mesi.

Mentre la lama più piccola rimuove 3 millimetri di doppie punte, dunque va utilizzata per la fase successiva di mantenimento della chioma, almeno una volta al mese.

11333440_854226434658165_1508026280_n

A capelli asciutti e ben pettinati, iniziamo il trattamento. Dividiamo i capelli in sezioni, su ogni ciocca si consigliano almeno tre passaggi con la macchina per doppie punte Split Ender. Non prendete troppi capelli, la ciocca deve essere sottile e maneggevole. Inseriamola all’interno della spazzola iniziando dalla radice e facciamo scivolare il dispositivo delicatamente a una velocità media. Il passaggio della piastra deve arrivare fino alle punte e deve comprendere tutte le lunghezze. Attendiamo qualche secondo e iniziamo con gli altri due passaggi.

IL risultato sarà sorprendente: capelli morbidi,setosi,lucidi ma soprattutto la sensazione di una chioma fluente e sana.

 

FAR PARLARE DI NOI ATTRAVERSO LE NOSTRE MANI !

Le mani sono importanti, lo sono così tanto che neanche ci accorgiamo del loro ruolo fondamentale nella nostra vita.

Nell’ Innamoramento le mani, di un uomo o di una donna, si prestano quanto il viso a questo tipo di discorso… per questo è fondamentale prendersene cura.

Il  trend di questi ultimi anni è di abbellire le nostre unghie con:  tips, smalto in gel, acrilico, gel, gel semipermanente ed infine il nostro preferito e primo per utilizzo al mondo :

L’UNICO  SMALTO SEMIPERMANENTE CND SHELLAC

smalto-semi

 

che si elimina con soli 8\10 minuti mediante l’utilizzo di una apposita cartina imbevuta con un remover di origine naturale ricco di ingredienti curativi, che non richiede mai la limatura dell’unghia.

remover

 

GLI ALTRI  PRODOTTI SEMIPERMANENTI, perché noi non li usiamo?

Cerchiamo in questa parte di fare chiarezza per un trattamento che si è profondamente evoluto nel corso degli anni.
I semipermanente si dividono in 3 categorie:

  • gel semipermanente si applica preparando le unghie sgrassandole con la lima.(Quasi spesso passano uno strato di gel a modi smalto per far durare di più la messa in opera )
  • La rimozione avviene con la limatura ,per asportare la parte più dura ,cioè il sigillo finale.
  • Uso della fresa per asportare più velocemente il tutto.
  • Uso di un foglio di carta stagnola imbevuto di acetone puro.

Purtroppo il il 2°, 3° e il 4° metodo causano i seguenti problemi:

 

1) La fresa e la  lima portano via il letto ungueale, rovinando l’unghia in modo definitivo

lima_-wedc5tkrhl fresa

2) L’acetone lasciato in piega, x 10 Min. con un foglio di alluminio leggero, crea un effetto ossidante e caloroso ,danneggiando l’ unghia anche dopo le 2/3 sedute

come-togliere-lo-smalto-con-la-carta-di-alluminio_d77edf83fe526e11b614ad63b8e49578

3) sensazione di umido e molliccio
4)  Possono causare muffa , riconoscibile per il colore verdastro che affiora sull’ unghia a causa dell’infiltrazione di acqua.

muffa

5) Micosi
6) Possono causare dolore.

Per chi ha le unghie deboli, il nostro consiglio è di curarle con prodotti fortificanti, controllare la presenza di vitamina d e b e di non utilizzare smalti fin quando l’unghia non lo permette.

Lo smalto non fa respirare l ‘unghia e la sfalda.

 

 

CND SHELLAC  e’ un prodotto essenzialmente a base di vitamina A, B, D, E sali polimeri e estratti naturali, con un margine  alcolica ,inferiore del 80% alla media di mercato.
E’ un prodotto che ha una durata di 15 GG , così come ci prescrive l’azienda. Per nostra esperienza abbiamo constatato che a seconda del tipo di materia alla quale viene applicato il trattamento abbiamo rese molto più durature.

Almeno 3 settimane per il 65% delle nostre clienti ,30% 4 settimane.

Un 5% , di clientela non può più fare questo trattamento: Il problema è causato da precedenti trattamenti che non permettono al prodotto Ibrido di aderire su questo tipo di superfici.

COSA  FARE ? :

Per quel 5% di clientela e per chi ha problemi  di vario genere esistono vari tipi di trattamenti  che rispondono e curano molteplici problematiche. Ve li presentiamo !!!

IBX SYSTEM

ibx-system

un prodotto unico e rinforzante nel suo genere. Agisce all’interno della lamina ungueale, e non si limita alla superficie .

IBX SYSTEM penetra  negli strati superiori dell’unghia e li polimerizza creando una rete di protezione, che conferisce alla lamina forza e flessibilità .
Le unghie resteranno elastiche e resistenti, questo è il cuore del sistema, perché l’unghia  possa crescere “SANA” e protetta specie di uso costante di gel o semi permanenti

APPLICAZIONE:

1 volta alla settimana:

–  unghie danneggiate e sottili
– per riparare delaminazioni e rotture
– dopo la rimozione della ricostruzione.

2 OGNI SETTIMANE:

– Per unghie in via di guarigione
– Per Migliorare la crescita
– Ad ogni cambio di smalto semipermanente

OGNI 3 SETTIMANE:

– Come mantenimento per mantenere le unghie in salute
– Migliora la durata dello smalto
– Per unghie bellissime anche senza smalto

ibx-prima-dopo

 

CONTINUARE usando durante il giorno con DADI’OIL

 

DADI’OIL BIOLOGICO :

dadi-oili

Creato a partire da vitamina E naturale, un potente antiossidante, e 3 oli certificati biologici:

– OLIO di Avocado ( ricco di vitamine A e D)
– OLIO Extra vergine di Oliva ( con proprietà Anti infiammatorie )
– OLIO  di Jojoba ( idratante con facile assorbimento)

– Meraviglioso profumo  conferito dal mix esclusivo di 21 olio essenziali  pregiati

– Sì assorbe rapidamente senza lasciare grassi residui

Prodotto UOMO E DONNA

 

BRISA LITE

brisa

* Per chi decide di smettere con il gel, esiste ,”BRISA LITE“.

Un rimedio curativo , semipermanente, Che permette all’unghia di respirare.

Cura il letto ungueale, con essenze a base di cheratina.

E’ un prodotto livellante di colore trasparente.

Non c’è  il bisogno di  limare l’unghia prima del montaggio e  dopo la rimozione, lasciando la facoltà di colorare con un  prodotto Shellac
Un altro problema che affligge le mani di molte persone è causato da macchie dell’unghia:

MACCHIE DELL’UNGHIA

La cura delle macchie delle mani si basa su prodotti esfolianti e schiarenti. I primi agiscono levigando la superficie della pelle, i secondi sono trattamenti intensivi prescrivibili da esperti in materia o dermatologi. In genere il problema sopraggiunge dopo i 35 anni ed è causato da una distribuzione disomogenea della melanina. Inquinamento, raggi UV e fumo della sigaretta sono in prima fila tra le cause delle macchie.

Le nostre mani hanno poche ghiandole sebacee, per questo motivo la loro pelle tende a diventare secca facilmente. Inoltre, poiché vengono spesso a contatto con prodotti chimici e detergenti domestici, sono esposte facilmente a ulteriori danni.

Ecco alcuni suggerimenti per la cura delle mani:

* La pelle delle mani è sottile e delicata, pertanto deve essere idratata almeno due volte al giorno             con olio di Argan, o burro di karite’.
* Proteggere le mani dal freddo utilizzando creme di protezione.
* In estate applicare una protezione solare per proteggere la pelle delle mani.
* Una volta a settimana usa il tuo esfoliante per il viso anche sulle mani.
* Una volta alla settimana applica la tua crema per il viso alle mani, prima di andare a letto.
* Indossare guanti di gomma durante i lavori di casa e in giardino.
* Non trascurare le unghie che devono essere sempre pulite e ordinate.
* Fare 1 manicure alla settimana ( salvo trattamenti speciali e sostitutivi)

 

 

Nel  SALONE di VIA MESSINA è un centro specializzato CND SHELLAC.

Qui puoi trovare i prodotti della linea, oltre ai preziosi consigli della nostra esperta.

E TU CHE SPOSA SEI ?

Oltre alle  chiome tirate a lucido, raccolte in chignon rigorosi,  il SALONE di Via MESSINA  va a “nozze” con due nuove regole: SPONTANEITA’  costruita e PERFETTA INPERFEZIONE.

Le ispirazioni dell’anno offrono spazio alla fantasia, con look  che accontenteranno tutte le spose, dalle più alle meno romantiche.

 

Noi siamo pronti a darvi qualche consiglio per il giorno più bello. Creazioni sempre su misura, ma che fanno sentire ogni donna

protagonista della propria favola.

Tante proposte per tanti stili !

il salone di via messina copertina raccolto1

Le nuove tendenze in questo settore premiano i Raccolti e i Semiraccolti, ma anche le acconciature con capelli sciolti sono molto gettonate negli ultimi anni.

il salone di via messina copertina raccolto         il salone di via messina Boheme

Un tocco vintage per raccontare un  giorno da favola, in un  atmosfera sognante è quello della sposa BOHEME che  si svela nel suo essere semplice e raffinato .

il salone di via messina copertina boheme      il salone di via messina copertina boheme (2)

La romantica favola di Cenerentola diventa realtà, le tradizioni sopravvivono al tempo… Coroncine floreali, nastri di margherite, piume.

 

Un azzardo per tutte le spose senza velo, anche con le chiome più lunghe è di creare acconciature con onde,  ricci o delle code particolari.

il salone di via messina intrecci (2)

E poi ci sono loro, gli INTRECCI ,i volumi raccolti eleganti che daranno un tocco di classe al vostro look, un modo per chi vuole stupire con stile, spontaneità ed eleganza studiate appositamente per voi.

Studiando la naturalezza dei vostri gesti , possiamo creare un’acconciatura che valorizza la vostra persona, abito e personalità.

il salone di via messina volumi intrecci

Una donna  che il giorno delle nozze sarà senz’altro diversa dal solito, ma non spersonalizzata.

Per le spose in generale ed in particolare per la  primavera-estate, stagione luminosa per eccellenza, si consiglia l’idea di schiarire  qualche ciocca o di creare contrasti di colore, al fine di valorizzare il tutto.

 

In ultimo per chi vuole arricchire o allungare la propria chioma può ricorrere a trucchi e magie con l’ausilio di EXTENSION  e posticci , per far si che la vostra acconciatura sia davvero impeccabile e duratura.

volumi intrecci (2)

QUINDI TU CHE SPOSA SEI  ?

Vieni in salone a trovarci con i tuoi desideri e le nostre idee faremo in modo di completare in modo eccellente quel giorno tanto atteso e desiderato.

 

Le ricostruzioni capillari per capelli: OLAPLEX , FUNZIONA ?

 

In questo nostro articolo vi parleremo del nuovo fenomeno di mercato che riguarda un prodotto Americano da noi testato e le miriadi di prodotti nati sulla scia del suo  successo .

 

Phon, piastre, ferri accompagnati da Shatush , ombre color , balayage  e schiariture varie  sono da sempre la causa di doppie punte e capelli secchi, che causano la mancanza di tenuta del colore cosmetico e quindi colori opachi e poco brillanti.

Ecco la risposta , almeno in apparenza : Olaplex !!!

1137

Molti colleghi hanno definito Olaplex una cura favolosa per i capelli sfibrati e rovinati, soprattutto dopo trattamenti estetici aggressivi,quali le colorazioni, le ondulazioni, le meches ecc. Ma è davvero così? Di cosa si tratta realmente? È un prodotto veramente affidabile? Ed esistono altri trattamenti con risultati simili che non costano un occhio della testa?

 

Secondo la definizione ufficiale, Olaplex è un “riconnettore dei ponti disolfuri” che, attraverso tre passaggi, consente di ricostruire la struttura invisibile dei capelli. Aiuterebbe così a rinforzarli e a riportarli a uno stato di salute ottimale, oltre che a proteggerli durante ogni tipo di trattamento (colore, decolorazione, calore e altri stress meccanici e chimici).

Ma vediamo più nel dettaglio in cosa consiste e come funziona Olaplex.
Si tratta di un unico ingrediente attivo (la molecola Bis-Aminopropyl Diglycol Dimaleate). Secondo quanto dichiara la casa madre, Olaplex è privo di silicone, solfati, ftalati, DEA, aldeidi, glutine e non è mai testato su animali. Può essere usato da solo come trattamento ricostruttivo o in abbinamento a uno specifico trattamento estetico per proteggere i capelli e ridargli forza (prima e/o dopo un servizio chimico, con polvere e pasta decolorante, nel colore base, nei gloss, nei sistemi alla cheratina, nei sistemi di forma permanente). È compatibile con qualunque tipo di capello, da quelli “vergini” a quelli estremamente trattati e sensibilizzati.

images (2)

Il test che abbiamo realizzato per capire se il prodotto funziona o meno ci ha fatto capire quanto un’ operazione di marketing ben condotta possa alterare le reali performance di un prodotto.

Il Test :

Abbiamo preso tre mazzetti di capelli naturali e decolorati con lo stesso prodotto e con lo stesso tempo di posa con la sola differenza che nel mazzetto n°1 abbiamo usato olaplex , nel n°2 un fake di olaplex e nel 3° un prodotto alle staminali.

IMG_2590

Alla fine abbiamo fatto vedere i 3 campioni a 20 persone diverse tra parrucchieri , clienti e allo stesso rappresentante di olaplex. Il risultato : nessuno vedeva differenze sostanziali, anzi  a volte risultava migliore il campione trattato con le staminali. L’unica differenza : IL PREZZO !!!

Per questo motivo che da oggi nel nostro salone abbiamo attivato un servizio veloce denominato: PIEGA ALLE CELLULE STAMINALI.

Il prodotto utilizzato al lavaggio essendo autoriscaldante richiede solo pochi minuti di posa . Il prodotto è composto da 2 flaconi che vanno miscelati. Nel 1° flacone il principio attivo a base di cellule staminali estratte da varie tipologie di bacche d’uva e proteine del grano assicurano una ricostruzione profonda della fibra mentre nel 2° flacone l’olio di semi di lino ne assicura morbidezza e lucentezza. Il suo costo comprensivo di piega varia dai 30,00 ai 35,00 €

Senza titolo-1

Ovviamente nel salone vengono effettuati trattamenti di Kerastase come : Concentre’ Vita-Ciment + Booster densite’ , per dare forza e robustezza ai capelli oppure Oleo Fusion + Booster Discipline per avere il massimo della nutrizione ed un controllo dell’azione anti-crespo. I trattamenti  necessitano per aumentarne la loro efficacia di 10\20 minuti di tempo di posa sotto fonte di calore ed il loro prezzo varia dai 20,00\30,00 €

label-picture1

 

ANNO 2016: ALL’INSEGNA DELLA DONNA CURLY.

E gia’, sembrerebbe proprio che questo sia l’anno delle ricce.

I boccoli, infatti, sono una delle tendenze per i capelli 2016, cascate morbide di capelli che incorniciano il volto con grazia ed eleganza donando un look sofisticato e giovane, perfetto per ogni occasione.

Proprio per questo motivo cercheremo di darvi più informazioni possibili riguardo il mondo dei ricci cercando anche di fare da guida dando dei consigli utili per tutte le CURLY-GIRLS.

Che siano lunghi o corti, i capelli mossi non sempre sono così facili da domare. Che siano morbide onde dall’effetto naturale o riccioli ben definiti, l’impresa si rivela sempre ardua. Il clima, poi, di certo non aiuta. Bastano infatti due gocce di pioggia per trasformare anche le chiome più acconciate in teste da leone. Come intervenire dunque?

Per tutti i tipi di capelli vige la regola generale per cui occorre usare prodotti come shampoo, balsami e creme che vantino formulazioni super idratanti e nutrienti. La fibra, infatti, deve essere nutrita e idratata in profondità in modo che il capello mostri anche esternamente un aspetto sano e lucente.

A maggior ragione quelli mossi o ricci per cui il rischio di apparire secchi o crespi è sempre dietro l’angolo.

Districare,snodare,sciogliere,sono tra i verbi più sentiti tra le donne ricce, ma con le giuste accortezze è possibile sfoggiare chiome da star.

Il lavaggio dei capelli è un momento importante perché già qui si determina il volume e l’elasticità delle chiome ricce
Acqua non troppo calda e prodotti senza siliconesono ideali per la detersione dei capelli ricci . Vi consigliamo il Bain Fluidealiste della linea Kerastase Discipline. La sua formulazione senza tensioattivi solfati garantisce : fluidità, lucentezza e un effetto anti-crespo.

bain-fluidealiste-sans-sulfates-260-410

In caso di nodi o di capelli che hanno bisogno di essere districati , aggiungeremo la Maskeratine . Un trattamento intenso e profondo che renderà i vostri capelli soffici e senza nodi.

maskeratine-260-410

Un pettine a denti larghi, possibilmente di legno, sarà provvidenziale sia per sciogliere i nodi che per pettinare le lunghezze senza compromettere il riccio.

prod_pettini_in_legno

 

Terminata la detersione dei capelli ricci non resta che avviarci all’ asciugatura, step by step.

Il primo passo è quello di usare un asciugamano in micro-fibra con il quale tamponare i capelli senza sfregarli, in modo da non “far spazio” all’ odioso effetto del capello crespo. A questo proposito,prima di asciugare i capelli tamponati, è buona abitudine distribuire lungo tutte le lunghezze un termo- protettore in miscelazione con prodotti di idratazione e\o definizione del riccio.

Per ottenere il massimo da questa operazione optate per prodotti che contengano oli benefici per i capelli ricci.

Tra i prodotti consigliati spicca L’ELIXIR ULTIME ORIGINAL OIL di KERASTASE. La sua preziosa formula a base di Oleo-Complexe, la straordinaria tecnologia che combina quattro oli leggendari, Mais, Argania, Camelia e Pracaxi.

elixir-ultime-huile-originale-main-122

 

Al termo-protettore possiamo aggiungere in miscelazione un ulteriore prodotto, che deve avere la funzione di tenere il riccio dei vostri capelli “chiuso” e definito.

Il nostro consiglio di utilizzo per prodotti da noi testato è il seguente:

fluidissime-main

  • Se invece il vostro capello non ha bisogno di ulteriore idratazione ma di un riccio ben definito , vi consigliamo il prodigioso Twiste’R che ha tra le sue caratteristiche tecniche la definizione di “ Amplificatore di Ricci” . Prodotto di AlfaParf, un azienda Italiana ottimo anche nel suo rapporto di qualità e prezzo.

311rnhzUk0L

A questo punto se possibile avvolgere i capelli nell’ asciugamano e  attendere 10 minuti prima di procedere alla fase di asciugatura , un piccolo trucco per ottenere ricci perfetti.

Il sole, Asciugacapelli e diffusore sono i migliori amici del riccio definito che cerchiamo.

Asciugatura al sole:

Sistemate i vostri capelli con il pettine di legno o con le mani e muoveteli delicatamente di tanto in tanto aspettando che si asciughino.

Asciugatura con il phon e diffusore:

Una volta innestato il diffusore al phon, ci mettiamo a testa in giù e mandiamo aria calda sui capelli.

Per ottenere il riccio da favola è bene non toccare troppo i capelli in questa fase: basta muovere il diffusore con leggeri movimenti dalle punte alla radice.Una volta asciugate le vostre chiome non vi resta che tirare su il capo e ammirare la vostra cresta leonina, bella più che mai. In questo modo il riccio sarà sempre nutrito.

Oltre ai classici diffusori si possono utilizzare , come rimedio fai da te i filtri delle cappe aspiranti e adattarle al vostro phon.

diffusore per phon in spugna verasteffen-500x500

Detto tutto ciò, di fondamentale importanza per ottenere risultati ottimali è un taglio di capelli.

Su capelli ricci le scalature fanno la differenza !!!

Sì allo scalato, al bob asimmetrico, frangetta aperta e ciuffi lunghi.

Il taglio di capelli giusto aiuta senza dubbio, quindi occorre sceglierlo bene e affidarsi alle mani di hairstylist molto esperti. Perché l’effetto delle sue affilate forbici lo si vedrà solo a capelli asciutti.

il-salone-curly-hair-home1

I Rumors che arrivano da KERASTASE ci parlano di una nuova Linea dedicata alle donne ricce: DISCIPLINE IDEAL CURL , tre prodotti trattamento per avere ricci da sogno !!!

Senza-titolo-1

Nell’attesa di saperne di più vi facciamo i nostri migliori auguri di un fantastico 2016

 

Mini-guida di sopravvivenza per capelli colorati.

Alzi la mano chi non ha i capelli schiariti, shatoushati, ombreggiati o anche solo leggermente riflessati. Mhhh… braccia incollate? Beh, niente di strano, perché al giorno d’oggi trovare una ragazza che sia al 100% del suo colore naturale di capelli è più difficile che risolvere il mistero dei buchi neri dell’universo. Di conseguenza, la faccenda di come gestire una chioma “ritoccata” riguarda un po’ tutte, il che significa che tutte si trovano tutti i giorni ad affrontare problemi come capelli crespi, spezzati, opacizzati e così via. Il vostro dramma diventa il nostro dramma.

Eppure un sistema per evitare che i capelli colorati e/o schiariti si rovinino, c’è. E non ha a che vedere soltanto con la meticolosa applicazione della doppietta shampoo+balsamo. I capelli schiariti, infatti, si rovinano principalmente perché la decolorazione apre le squame del capello e ne elimina i pigmenti naturali. E’

soprattutto questa, infatti, la ragione per cui ci si ritrova con le lunghezze rovinate, rinsecchite o indebolite.

Quello però che dovete sapere (o quanto meno non sottovalutare) è che per conservare capelli morbidi e lucidi vanno benissimo impacchi, maschere o sieri, ma solo mantenendo la chioma adeguatamente pigmentata eviterete davvero che si rovini.

D’accordo, direte voi, ma come si fa? Ecco una serie di utili “comandamenti” per continuare ad avere il colore di capelli che vi piace di più, senza rimetterci lo scalpo.

Regola n.1: ogni 2/3 settimane fate un tonalizzante.

Ossia applicate su tutta la lunghezza dei capelli un colore a pigmenti puri. E’ un prodotto che non contiene assolutamente ammoniaca, ma va solo a restituire ai capelli i pigmenti di colore che hanno perso. Se avete i colpi di sole o l’ombré sceglietelo nella stessa nuance delle ciocche schiarite. Se invece fate la tinta e avete un colore uniforme, sceglietelo del vostro colore di base.

Regola n. 2: una volta alla settimana applicate una maschera ripigmentante.

Non c’è bisogno di comprarne una particolare. Potete farvela da sole in casa aggiungendo a una confezione del vostro balsamo abituale un flacone intero del tonalizzante. Bastano 5 minuti di posa e poi sciacquate.

Per voi che volete un prodotto professionale ed altamente efficace vi consigliamo il nuovo cocktail di bellezza Milk Shake che vi permette in modo bilanciato ed intelligente di avere 2 prodotti in uno.

milk           milk-shake3

Regola n. 3: lavatevi i capelli con prodotti senza solfati.

In commercio ormai ce ne sono parecchi e di solito tutte, o quasi, le linee “per capelli colorati” ne sono prive. I solfati sono sali che aumentano la perdita di pigmenti. Inoltre, in quanto sali, è evidente: seccano!

Regola n. 4: attenzione all’acqua.

Purtroppo l’acqua di Roma è abbastanza dura e quindi non adatta allo scopo. Nel nostro salone abbiamo installato dei filtri che garantiscono un adeguato filtraggio ma che non risolvono il problema di quando li lavate a casa!

Se potete, fate sempre un risciacquo finale con una bottiglia di acqua minerale o, meglio ancora, diluite in una bottiglia da 1.5 litri un cucchiaio da cucina di aceto di mele. E’ un rimedio della nonna, ma rimane imbattibile per ristabilire il ph della cute e chiudere le squame…….Se avete voglia venite a sperimentare il trattamento nel nostro salone !!!

Regola n. 5: non asciugate completamente i capelli con il phon.

In teoria, dovreste lasciarne umidi almeno il 20%. In pratica, significa togliere l’acqua in eccesso con la salvietta, phonare bene le radici e gran parte delle lunghezze e poi lasciare che finiscano di asciugarsi all’aria. Questo permetterà ai capelli di mantenere, all’interno, un po’ di umidità. Questo non significa però capelli crespi. Come la pelle, anche i capelli devono mantenere un adeguato tasso di idratazione. Nel nostro salone stiamo provando un Phon digitale che ha come scopo primario quello di mantenere idratati i capelli.

CHI-touch-dryer

 Regola n. 6: mai usare piastra o phon senza un prodotto termoprotettivo.

Lo sapete: il nemico numero uno dei capelli è il calore. Dopo averli fatti asciugare del tutto all’aria, potete quindi procedere tranquillamente con la piega e scatenatevi pure con ferro, piastra o spazzola, ma prima vaporizzate abbondantemente i capelli di spray protettivo. La maggior parte ha anche una funzione ammorbidente e di leggero sostegno, quindi oltre a preservarvi le lunghezze vi darà una mano a far durare la piega più a lungo. Utile a tale scopo e la piastra a vapore STEAM POD de L’OREAL completa di tutta la linea di protezione

steam

 

Regola n. 7: occhio all’alcol nascosto.

La maggior parte dei prodotti fissanti (schiume, gel, lacche) contiene alcol, che ovviamente secca. Attenzione quindi a cosa c’è scritto tra gli ingredienti. Per fissare una piega mossa o a onde, per esempio, molto meglio un prodotto in crema o a base di cera.

 steam prodotti